Terremoto politico a Vicchio - Dimissioni in blocco della Direzione PD


Pd Vicchio - foto Devurbe

Dopo le dimissioni dal ruolo di Segretario lo scorso maggio di Gasparrini, adesso sono otto i membri della direzione PD della sezione di Vicchio a lasciare.

Le motivazioni sono da ricercare nel rapporto con la sezione metropolitana del PD e nelle divergenze  politiche emerse con la recente candidatura ed elezione del nuovo governatore toscano Eugenio Giani.

Una decisione forte che inevitabilmente porterà cambiamenti anche nel futuro scenario politico del nostro paese.

Di seguito il comunicato stampa: 

Il PD Vicchio da anni porta avanti un percorso di impegno politico rivolto ad affermare i valori che riteniamo più importanti nel nostro contesto sociale. Anche all'interno del Consiglio Comunale, abbiamo presentato mozioni per sottolineare la nostra posizione o proporre soluzioni su tematiche nazionali, globali, sui diritti o su problemi che affrontiamo come cittadini di Vicchio o come esseri umani. Tra le tante ricordiamo l'emergenza ambientale, l’inclusione e integrazione, la parità di genere, i diritti LGBTQ+, la solidarietà per le vittime di conflitti internazionali.

Ma all'interno del nostro partito, nei rapporti in Mugello e con Firenze, troviamo serie difficoltà nel perseguire un percorso comune. Alla necessità di trovare soluzioni condivise a problemi collettivi vengono spesso anteposte questioni locali, se non campanilistiche. Alla necessità di creare e alimentare spazi di libera discussione politica, vengono anteposte logiche di mera amministrazione a danno del confronto di idee e proposte comuni.

Dopo anni di impegno politico il nostro segretario Marco Gasparrini ha ritenuto doveroso dimettersi, nello scorso maggio, indicando in attesa del Congresso uno dei nostri giovani come possibile futuro Segretario, con la speranza di portare idee, energie e partecipazione politica tra i giovani e le persone del Paese. Questa indicazione è stata accolta all'unanimità da tutta l'Assemblea del Direttivo, condividendo i successivi passi del PD di Vicchio. Nel rispetto delle regole del nostro Statuto, abbiamo atteso invano l’approvazione del PD metropolitano di Firenze. Di fronte all’urgenza di organizzare le elezioni regionali, promuovere la discussione dei programmi di mandato dei candidati e gli incontri sul referendum costituzionale, è stato preferito lasciare senza organizzazione il nostro partito locale, senza approvare la scelta del partito né convocare un congresso o una sostituzione temporanea.

La motivazione dietro tale (in)decisione del PD metropolitano è stata la contrarietà del nostro candidato segretario ad alcune posizioni prese da Eugenio Giani, candidato presidente del PD alle elezioni regionali, sull’aeroporto di Firenze e su alcuni commenti promossi tramite Facebook.

Noi sosteniamo il principio di poter esprimere la propria opinione e promuovere un confronto su temi e posizioni. Il confronto doveva già da tempo essere promosso all’interno del Partito Democratico, anche mediante piattaforme web, per creare una partecipazione interna sul programma elettorale, coinvolgendo i circoli locali e gli iscritti al partito.

Il confronto con opinioni, persone o generazioni diverse non è qualcosa da cui nascondersi o allontanarsi. Pensarla diversamente e promuovere un confronto costruttivo dovrebbe essere la base della democrazia e non giustifica la scelta, tramite mancanza di indicazioni e ritardi di comunicazione, di condizionare un circolo locale nel poter scegliere liberamente il proprio segretario in attesa del congresso. In particolare se il segretario indicato è un giovane pieno di idee, proposte e potenzialità, nonostante il suo temperamento.

È con grande rammarico che annunciamo quindi le nostre dimissioni dalla Direzione del PD Vicchio.

Da questo momento il nostro impegno prosegue sotto altre forme, in particolare nella ricerca di riaggregare le molte, troppe persone che il centrosinistra ha perso per strada in questi ultimi anni.

Guardiamo in particolare con attenzione a tutti quei movimenti che pur senza vincoli di appartenenza partitica mettono energie e idee a sostegno del centrosinistra e ad argine delle pericolose derive di destra e populiste.

 

Ettore Rosari

Francesco Tagliaferri

Rebecca Bonanni

Marco Gasparrini

Matteo Ganassi

Giuseppe Rosa

Simone Lazzerini

Silvia Crescioli

Aggiungi un commento

Plain text

  • Indirizzi web o e-mail vengono trasformati in link automaticamente
  • Linee e paragrafi vanno a capo automaticamente.
CAPTCHA
Questa domanda è un test per verificare che tu sia un visitatore umano e per impedire inserimenti di spam automatici.
CAPTCHA con immagine
Inserire i caratteri mostrati nell'immagine.