Comunicato stampa del gruppo consiliare di Sinistre per Vicchio

Comunicato stampa del gruppo consiliare di Sinistre per Vicchio sul Consiglio Comunale del 29 ottobre 2009

dal sito www.sinistrepervicchio.it

Molti atti importanti nell’ultimo Consiglio Comunale a Vicchio. Centrale era il voto sul “programma di mandato” del sindaco, preceduto da alcune settimane di riunioni delle commissioni consiliari, un percorso previsto dallo statuto ma mai davvero attuato. Il gruppo consiliare di Sinistre per Vicchio- secondo le indicazioni dell’ultima assemblea di SpV- si è astenuto, considerando positivamente alcuni segnali che sono venuti dalla giunta e dal consiglio comunale in questo scorcio di mandato amministrativo: nuovo regolamento dei consigli di partecipazione, con l’introduzione ex novo del comitato di paese; alcuni ordini del giorno da noi presentati per affrontare e risolvere alcuni problemi (spazi urbani,situazione eternit sul territorio e case popolari); la disponibilità della maggioranza ad impegnarsi come commissioni consiliari su alcuni temi da noi proposti (diritti civili, testamento biologico e unioni di fatto); alcuni ordini del giorno presentati da giovani consiglieri e da noi votati, come quello sul divieto di vendita sul nostro territorio di materiale nazifascista e l’adesione alla Marcia Mondiale della Pace; alcune buone idee dell’assessore alla cultura espresse in commissione. Nonostante questa nostra apertura di credito nei confronti della giunta, rimangono certo importanti differenze , esplicitate anche nell’ultimo Consiglio: dove abbiamo espresso ad esempio, parere contrario alla scelta fatta dalla Giunta di non mettere a concorso pubblico il nuovo dirigente dell’Ufficio tecnico comunale ma di sceglierlo attraverso una procedura “eccezionale” prevista dalla legge ma per noi non appropriata e troppo discrezionale; dove non abbiamo apprezzato –e sull’argomento torneremo- che la giunta non abbia portato in consiglio un piano d’intervento complessivo sui problemi della frazione di S. Maria a Vezzano, così come le imponeva l’odg votato anche da noi un mese fa. Siamo anche preoccupati, e rimarremo su questo particolarmente vigili, della vaghezza del programma di mandato sulla politica urbanistica, settore che di tutto ha bisogno fuorchè di genericità. In Consiglio è anche emersa con toni preoccupanti la notizia di una assoluta e pericolosa insufficienza della rete di illuminazione pubblica del nostro paese: addirittura l’assessore Gamberi ha dichiarato la pericolosità di un quadro elettrico posto in pieno centro storico (sotto il loggiato di Piazza della Vittoria) che, parole dell’assessore Gamberi, “potrebbe esplodere”. Su questo chiediamo l’immediato intervento della giunta ad impedire pericolo ulteriore per i cittadini. Il gruppo consiliare Sinistre per Vicchio