10.000 euro per gli empori di paese. Il bando regionale attivabile in tutti i comuni "montani"


- foto Devurbe -

La Regione Toscana lo scorso 13 gennaio ha emanato un bando per il sostegno degli empori di paese. Si legge dalle finalità del bando  "Con il presente bando la Regione Toscana, nel quadro della strategia nazionale e regionale a favore delle Aree interne e delle politiche regionali a favore dei comuni montani e insulari, intende potenziare l’offerta di prodotti e servizi alla collettività per favorire le condizioni di residenzialità e di qualità della vita.

L'obiettivo è quello di rivitalizzare le aree marginali con un sostegno mirato alla diversificazione dei servizi/prodotti offerti alle collettività ivi residenti attraverso l’erogazione di un contributo a fondo perduto"

Di seguito il link con tutte le informazioni dal sito della Regione Toscana https://www.regione.toscana.it/-/aree-interne-montane-e-insulari-nuova-e...à

qui invece le istruzioni e le modalità per accedere al contributo

http://www301.regione.toscana.it/bancadati/atti/Contenuto.xml?id=5276624...

Di seguito invece il comunicato del Comune di Vicchio con il commento dell'Ass. Sandra Pieri

Rivitalizzare le aree marginali con un sostegno mirato alla diversificazione dei servizi/prodotti offerti alle collettività ivi residenti attraverso l’erogazione di contributi a fondo perduto a lavoratori autonomi, micro imprese e Pmi. È questa la finalità del bando per contributi a fondo perduto a favore degli empori di comunità nelle aree interne e montane nel quadro della strategia nazionale e regionale. Il sostegno previsto dal bando consiste in un contributo a fondo perduto, in misura pari a 10.000€, erogato in toto dalla Regione Toscana a condizione che il richiedente si impegni alla realizzazione di “empori di comunità” ovvero strutture polifunzionali a carattere imprenditoriale organizzate per la produzione o commercializzazione di taluni prodotti e l'erogazione di servizi individuati come di interesse per la comunità di riferimento.

Vicchio, che proprio ha ricevuto alcune manifestazioni di interesse in merito alla creazione di questi empori, ha deliberato di riconoscere come “attivabili” nel territorio del comune  - ai fini della partecipazione al bando -  i seguenti servizi: Prenotazione prelievo ed esami;   Prenotazione visite specialistiche;  Invio resi e-commerce; Ritiro e spedizione pacchi postali; Consegna a domicilio farmaci ed altri presidi sanitari (oltre ovviamente a quelle tradizionali delle botteghe).
“Grazie a questo bando, commenta l’assessore Sandra Pieri, contiamo di garantire alcuni servizi anche alle famiglie che risiedono in aree distanti dal centro urbano e dalla maggior parte dei servizi ivi presenti. Con la delibera approvata, nella quale abbiamo delineato il quadro di riferimento di quelle attività che riteniamo idonee per il nostro territorio, la Giunta comunale ribadisce la propria vicinanza alla comunità, con l’obiettivo di attivare alcuni servizi che saranno disponibili nelle nostre piccole, ma fondamentali botteghe di frazione, che si renderanno disponibili per la produzione o commercializzazione dei prodotti e l’erogazione dei servizi individuati”.

 

UFFICIO STAMPA E COMUNICAZIONE

 

Comune di Vicchio

ufficiostampa@comune.vicchio.fi.it

Aggiungi un commento

CAPTCHA
Questa domanda è un test per verificare che tu sia un visitatore umano e per impedire inserimenti di spam automatici.
CAPTCHA con immagine
Inserire i caratteri mostrati nell'immagine.