M5S Vicchio sull'eolico Villore-Corella: "Esistono alternative, proteggiamo il nostro territorio"



Comunicato Movimento 5 Stelle Vicchio sull'eolico in risposta alle dichiarazioni congiunte di Latona e Giannelli 

Leggendo il comunicato stampa che sia Samantha Latona di Alleanza per Vicchio e il capogruppo di centrodestra di Dicomano Gianpaolo Giannelli hanno inviato al responsabile della rete civica di Vicchio devurbe.net, colpisce in modo particolare il senso di superficialità e pressapochismo annaffiato con una sorta di opportunismo politico. L'azienda di Verona AGSM con l'appoggio (neanche tanto velato) del primo cittadino di Vicchio, ha fatto partire un incontro con i consiglieri per una prima generica esposizione del progetto e 4 iniziative volte a “informare” la cittadinanza di come si intende procedere nella realizzazione di un impianto eolico industriale. In primo non ricordiamo la presenza dei sopracitati capogruppo a questi incontri, quindi premesso che ognuno pur esprimendo le proprie idee dovrebbe però essere al corrente di come realmente si sono svolti i fatti e come si sono svolte le assemblee.

Alcuni appartenenti al M5S di Vicchio in questi ultimi trent'anni si sono sempre impegnati sul territorio insieme ad altri cittadini per cercare di difendere l'ambiente speciale in cui viviamo. Vorremmo inoltre precisare che il M5S non è contrario ai progetti eolici ma sicuramente va sempre considerata prioritaria la tutela dell'ambiente che ci ospita. Inoltre il M5S incentiva la realizzazione di impianti fotovoltaici per utenze domestiche in comodato d'uso promuovendo la coesione sociale.

Cari signori, il progetto realizzato a Rivoli non può essere considerato “speculare” rispetto a ciò che è previsto per Villore/Corella, è proprio tutta un'altra cosa basta osservare bene queste foto:

 Una ricognizione aerea mostra la notevole differenza territoriale fra la realtà di Rivoli, che appare come una zona prevalentemente industriale, con tratto autostradale e la brulla collina dove sono poste le 4 pale (carta 1)

 

e quella del crinale Appenninico di Villore/Corella dove dovrebbero essere istallate le 8 pale eoliche previste dal progetto (carta 2)

 Come possiamo ben vedere le realtà ambientali sono completamente diverse, non è assolutamente possibile paragonarle; inoltre la prospettiva del progetto attuale è solo una parte minimale rispetto a ciò che probabilmente ci si deve aspettare dal futuro. Ogni pala eolica sarà di circa 150 mt di altezza e richiederà per ogni basamento (plinto) l'effettuazione di un enorme scasso e lo sversamento di 75 autobotti di cemento. E' facile inoltre prevedere che questo progetto partendo da questa zona preveda una strada d'accesso per poter istallare un centinaio di pale sul crinale Mugellano dell'Appennino, con il risultato, nel tempo, di devastare definitivamente uno dei pochi tesori territoriali che il nostro Paese Italia ancora custodisce. Il Mugello ha già fatto una donazione di sangue con il progetto TAV le cui perforazioni hanno seccato torrenti e sorgenti anche millenarie. Quindi proteggiamo quello che di meraviglioso e bello rimane del nostro territorio e abbiamone cura; proposte in campo energetico ci sono, basta mettersi intorno ad un tavolo e discuterne senza che vi siano corsie preferenziali per nessuno, aziende comprese.

Maurizio Bargoni Consigliere del M5S Vicchio

Aggiungi un commento

Plain text

  • Indirizzi web o e-mail vengono trasformati in link automaticamente
  • Linee e paragrafi vanno a capo automaticamente.
CAPTCHA
Questa domanda è un test per verificare che tu sia un visitatore umano e per impedire inserimenti di spam automatici.
CAPTCHA con immagine
Inserire i caratteri mostrati nell'immagine.