DEVURBE RESTA A CASA

Approvato il Ddl Del Rio. Cosa cambia a Vicchio

max_Renzi_Delrio.jpgCambia ancora il numero dei Consiglieri per Vicchio. Ora dovranno essere 12.

Il DDL Del Rio sulle Province, anche rinominato "Poltrone e Province", è stato approvato in via definitiva alla Camera il 3 aprile con 260 voti favorevoli, 158 voti contrari, 7 astenuti e 204 assenti.

Oltre alla discussa riorganizzazione delle Province , la nascità delle "Città Metropilitane" e le nuove norme sulle Unioni dei Comuni , al suo interno la nuova legge prevede anche la riorganizzazione del numero di Consiglieri e Assessori per i Comuni. 

Cambiano quindi ancora una volta, dopo la scorsa modifica del  d.l. del 13 agosto 2011 n.138  (leggi qui) , le disposizioni sul numero dei Consiglieri e Assessori, aumentandoli di fatto in ogni nuova suddivisione (da qui il secondo nome della legge "Poltrone e Province").  Ecco di seguito il testo che interressa il nostro Comune:

 

[...]

 

5. All’articolo 16, comma 17, del decreto-legge 13 agosto 2011, n. 138, convertito, con modificazioni, dalla legge 14 settembre 2011, n. 148, le lettere a), b), c) e d) sono sostituite dalle seguenti:

(vedi il comma 135)

« a) per i comuni con popolazione fino a 3.000 abitanti, il consiglio comunale è composto, oltre che dal sindaco, da dieci consiglieri e il numero massimo degli assessori è stabilito in due;

b) per i comuni con popolazione superiore a 3.000 e fino a 10.000 abitanti, il consiglio comunale è composto, oltre che dal sindaco, da dodici consiglieri e il numero massimo di assessori è stabilito in quattro ».

6. I comuni interessati dalla disposizione di cui al comma 5 provvedono, prima di applicarla, a rideterminare con propri atti gli oneri connessi con le attività di cui al titolo III, capo IV (Status degli amministratori locali), della parte prima del testo unico, al fine di assicurare l’invarianza della relativa spesa in rapporto alla legislazione vigente, previa specifica attestazione del collegio dei revisori dei conti.

(vedi il comma 136)

7. All’articolo 46, comma 2, del testo unico è aggiunto, in fine, il seguente periodo:

« Nella giunta nessuno dei due sessi può essere rappresentato in misura inferiore al 40 per cento, con arrotondamento aritmetico ».

(vedi il comma 137

In allegato il PDF del DDL De Rio completo.

Aggiungi un commento

Plain text

  • Indirizzi web o e-mail vengono trasformati in link automaticamente
  • Linee e paragrafi vanno a capo automaticamente.
CAPTCHA
Questa domanda è un test per verificare che tu sia un visitatore umano e per impedire inserimenti di spam automatici.
CAPTCHA con immagine
Inserire i caratteri mostrati nell'immagine.