Intervista a Roberto Izzo

izzo

Ultima intervista ai candidati per la poltrona di sindaco del Comune di Vicchio. Questa settimana il candidato della coalizione del "Centrosinistra" Roberto Izzo.

(La Redazione di devurbe.net precisa e racconta i fatti che hanno alimentato polemiche in merito a questa intervista, pubblicando un testo consultabile cliccando qui.)  

Come nasce la candidatura di Roberto Izzo?

Nel PD si andava configurando una situazione abbastanza particolare. Eravamo alla fine di ottobre e a quell'epoca c'era l'Elettra che si ricandidava, c'era Simone (Lazzerini ndr), il vicesindaco Emanuele e lo Zacconi che era un membro interno al partito. In questo contesto due persone una sera sono venute a trovarmi e mi hanno chiesto se ero disponibile a candidarmi. Presi 15 giorni per pensare, nonostantante vari problemi in ambito personale, gli dissi “Ci penserò”. Con questo “Ci penserò” si sparse la voce e ho avuto da tante parti, richieste per la mia candidatura. Alla fine , lasciandomi anche un po' trasportare, ho accettato . Con la mia presenza si sono rotti degli equilibri, anche se io sono una persona che ha sempre cercato di unire e non di dividere.

Il percorso delle Primarie ha avuto un'evoluzione particolare. Da parte sua come è stato vissuto questo percorso?

Io non ho capito perché al sindaco uscente non gli hanno fatto fare la seconda legislatura. Questo l'ho detto all'interno del PD e anche a chi mi è venuto a cercare. Ad una persona che fa cinque anni di legislatura, impara e non gli dai la possibilità di fare la seconda legislatura, è un errore. Nei mitici 16 punti di luglio 2008 del PD, c'era come primo punto la scelta del PD che indicava le primarie come metodo per scegliere il candidato sindaco. Questo significava che all'interno del partito si era scelto di non confermare l'Elettra...ed è stato il primo errore di comportamento che hanno fatto. L'ultima settimana prima delle primarie si sono ricompattati a favore dell'Elettra...ma questo lo dovevano fare prima, a novembre, no a dieci giorni dalle primarie. Questo è stato l'errore chiave. Infatti se a novembre tutti insieme mi avessero chiesto di fare un passo indietro, io l'avrei fatto, anzi, fin dall'inizio misi in chiaro che se fossi rimasto solo con l'Elettra, mi sarei ritirato. Certo dopo aver raccolto le firme tutto questo risultava molto più complicato.

Il risultato risicato delle primarie non ha contribuito a distendere il clima, portandosi dietro polemiche. Una di queste è la partecipazione di elettori del centrodestra, cosa da mettere in conto nel meccanismo delle primarie. Un suo giudizio su questa vicenda.

Io avrei potuto anche chiamare l' Alessi, che ha radici molto simili alle mie, e dirgli “ Mettiamoci d'accordo , te mettiti da una parte, i voti tuoi vengono a me e se vinco ti faccio fare il vicesindaco” , ma non l'ho fatto, perché queste cose per me sono inconcepibili. La cosa grave sarebbe stata se io fossi andato a cercare il centrodestra e mi fossi messo d'accordo. Voi lo sapete, la parrocchia è la mia vita, le persone che mi vedono alla messa sono andate anche votare... io sono di quell'ambiente... di sicuro questo c'è stato, ma io non gli ho cercati e la gente è andata spontaneamente perché crede nella a persona.

Nel caso di una sua elezione, ci sarà un taglio netto con la passata amministrazione o ci saranno delle novità. E quali sono i punti cardine del programma che diventeranno le priorità?

La prima cosa che farò sarà quella di cercare, assieme agli operai del comune, di inquadrare la macchina organizzativa del comune, perché è quella, assieme alla condivisione dei valori, che poi ti consente di lavorare. I cittadini di Vicchio vanno soddisfatti, quando uno entra in comune si deve sentire come a casa sua. Poi cercherò di costruire un clima di collaborazione all'interno del paese, anche perchè caratterialmente sono fatto in questo modo e mi dispiace che ci siano ancora queste polemiche...cercherò di riunire il pese. Ci saranno degli elementi di continuità e elementi di novità. La passata amministrazione ha fatto un ottimo lavoro nel sociale che io continuerò e se possibile lo aumenterò. Anche perché per formazione personale sono sempre stato dalla parte dei più deboli e ho profondo rispetto della persona umana. . Sulla manutenzione del paese mi spenderò parecchio, voglio cercare di rendere decoroso il paese, insegnando il rispetto del paese. In continuità con la passata amministrazione sarà anche il piano strutturale, ovviamente riguardando e ridiscutendo alcuni punti.

Quali sono stati i criteri per la formazione della lista dei consiglieri?

Se io due mesi fa avessi pensato di ritrovarmi una lista in questo modo, avrei avuto meno problemi. In questa lista c'è il 75% di persone nuove, la coalizione che si appresta a rigovernare, ha rinnovato in gran parte la lista dei consiglieri, su sedici della passata amministrazione ce ne sono rimasti quattro. In più ci cono molti giovani e secondo me è il frutto del risultato delle primarie, che nel bene o nel male, hanno riportato i cittadini a parlare di politica. Se non ci fossero state le primarie e se non ci fosse stato il risultato che ha premiato Roberto Izzo, non ci sarebbe stato nemmeno il rinnovamento all'interno del PD. Vedete, tutti i passaggi sono complicati, ma è proprio da questi passaggi che nasce sempre qualcosa di nuovo. Lo sbaglio più grosso dei partiti qui a Vicchio è quello di non aver rinnovato le persone al loro interno. Domani a guidare il paese , ci sarà una persona della vostra generazione (anni '70 e '80 ndr), ma se queste persone non si portano in questi processi, come si fa domani ad avere chi guiderà il paese? In questo momento per esempio, sto avendo difficoltà a trovare le persone per fare la giunta. Ci vogliono persone che hanno a cuore il paese di Vicchio, non persone messe li per comodo... qualche cosa mi toccherà subire, certe logiche ci sono ancora ed è anche quello che mi da più fastidio....

Il famigerato anno mezzo di sua assenza in caso di vittoria. Cosa c'è di vero e come mai ne abbiamo sentito tanto parlare?

La prima sera che sono andato a presentare la mia candidatura ho iniziato nel presentare i miei punti di debolezza. Uno è quello della perdita di continuità politica, che avevo acquisito fino al 95 quando ero in commissione, l'altro è che devo lavorare ancora un anno... e se dovesse toccare a me devo risolvere questo problema. Certo, il 7 di giungo non posso smettere di lavorare, un dirigente d'azienda non può andare li e dire “Da domani smetto di lavorare” … ma è una questione che risolverò. E infatti ho fatto la domanda all' INPS per riscattare un' anno di università. Io dal primo giorno mi assumo tutte le responsabilità, non è che ci metto un'altro. Cosa succederà allora? La mattina sarò in comune a Vicchio, all'una vado via e vado a lavorare il pomeriggio. Questo per tre mesi, escluso agosto che ho le ferie e lavorerò a tempo pieno in comune. Molto probabilmente, chi mi voleva male ha preso spunto da questa cosa per dire che per un anno e mezzo darò la delega a qualcuno. No nella maniera più assoluta.

Devurbe.net ha lanciato la proposta di rendere pubblica la giunta comunale prima delle elezioni.

Io sto cercando persone competenti con una visione chiara del proprio paese, senza farmi condizionare, anche se sono consapevole che qualcosa dovrò cedere...inizialmente non avevo intenzione di rende pubblica la giunta... poi ho capito che prima delle elezioni la dirò.....penso tutta. Devo dire che ho trovato delle difficoltà, ci sono state delle persone che mi hanno detto di no.... però per esempio mi ha già detto di si una donna, persona al disopra delle parti e competente...dico anche che qualcuno con il quale è da tanto che lavoro mi piacerebbe portarlo...anche perchè ci voglio persone di fiducia... e mi dispiacerà sentire dei giudizi sulle persone che saranno nella mia squadra, anche perchè sono uscito da delle primarie, legittimato dal voto che i cittadini mi hanno dato.... accordandomi la loro fiducia e quindi sarà responsabilità mia garantire sugli uomini che sceglierò.

Concludiamo la nostra intervista, come di consueto, con un un messaggio di Roberto Izzo ai cittadini di Vicchio.

Il mio è un appello a chi sta a cuore la politica del centrosinistra. Votare per la coalizione di centrosinistra, perchè il momneto che stiamo vivendo oggi in Italia non consente variazioni sul tema. Il centro destra in Italia è forte, persevera da tutte le parti, ci sta massacrando a livello culturale, sugli usi e sui costumi della gente. Ecco perché chi crede nel centrosinistra deve votare per la coalizione di centrosinistra e per il candidato Roberto Izzo. Al di fuori di questo c'è poco, la sinistra è divisa e non ha la cultura di governo. Perchè le classi moderate e le classi dirigenti hanno sempre comandato e governato la politica? Perchè ha capito che andando al governo, si riesce a portare avanti i propri interessi, nel nostro caso gli interessi anche dei più deboli...a Vicchio l'appello va verso chi crede ai giovani, perchè e da li che bisogna preparare il domani.

Commenti

5

<p>Leggo nel testo della redazione &quot;... il suo ruolo di &ldquo;mediatore&rdquo;, senza per&ograve; trascurare la gravit&agrave;, a nostro avviso , del solo fatto che ce ne sia stato bisogno.&quot;</p> <p>Ma il candidato sindaco Roberto Izzo &egrave; lo stesso che ci ha mandato a casa il libretto con su scritto &quot;per un'Amministrazione che sia attenta alla soddisfazione dei propri cittadini&quot;? Cio&egrave; scrive questo e si rapporta con tanta diffidenza a questo sito per esempio? Dovremo aspettarci anche dopo le elezioni che il sindaco-sovrano impieghi due mesi per rispondere a quelli che non sono tra i suoi accoliti?&nbsp;</p> <p>Leggo poi una cosa nell'intervista interessante: &quot;inizialmente non avevo intenzione di rendere pubblica la giunta... poi ho capito che prima delle elezioni la dir&ograve;.....penso tutta.&quot;<br /> Le ricordo Izzo che lei candidandosi alle primarie ha accettato i &quot;mitici 16 punti di luglio 2008 del PD&quot; nei quali come lei stesso riporta&nbsp;&nbsp;&quot;c'era come primo punto la scelta del PD che indicava le primarie come metodo per scegliere il candidato sindaco&quot;.<br /> Ha letto solo quel punto o anche il secondo? Allora per favore la smetta con questi giochetti da vecchia politica cercando di rappresentare quello arrivato per caso.</p> <p>Lei aveva anche detto che se il sindaco in carica si fosse ricandidato lei non avrebbe partecipato alle primarie. Lo ricordi al suo amico di Apertamente Gamberi, futuro vice sindaco quando parla di sdoppiamenti, per gli altri.</p>

<p>scusate se intervengo, questo spazio deve soprattutto servire ai non addetti ai lavori, ma l'intervista di roberto izzo mi ha stimolato su un paio di cose, che vi dico:</p> <p>1.la sinistra &egrave; divisa, non ha cultura di governo, dice lui.Ah si? e questo a Vicchio?ma non sembra a Izzo che a Vicchio, invece, la sinistra si sia riunita mica poco?a essere poco uniti, sembrano invece quelli del cosiddetto centrosinistra formato da neanche tutto il Pd locale e neanche tutto il Ps locale(questa &egrave; la verit&agrave;).</p> <p>2. cultura di governo: non &egrave; qualcosa che si compra al mercato, la si pratica, facendo atti concreti.</p> <p>E allora mi dica Izzo se il non dire la Giunta, o dirla poche ore prima del tempo utile, un p&ograve; di soppiatto, perch&egrave; non si sappia tanto in giro,&egrave; un buon inizio come cultura di governo.Noi di sinistre per Vicchio, abbiamo messo tutto in piazza, fina dal primo minuto:loro no, e infatti il paese si interroga sui loro nomi, mentre con i nostri discute, perch&egrave; ci sono, sono li in carne e ossa;del resto nell'intervista trapelano le non poche difficolt&agrave; che Izzo ha a rendere pubblici questi nomi, qualcosa vorr&agrave; dire: &egrave; cultura di governo questa?o cultura di governo &egrave; rendere chiari gli obiettivi,metterci la faccia,non aver paura dei confronti?</p> <p>3. la verit&agrave; &egrave; che queste elezioni-il cui esito non &egrave; scontato-hanno messo in evidenza un modo nuovo di far politica insieme ai cittadini, il nostro; e un rigurgito di vecchia politica, fatto di personalismi, veleni,contrapposizioni, lotta tra feudi,segrete stanze, gente invelenita che non discute di politica, ma lancia accuse: quello della coalizione del cosiddetto centrosinistra.</p> <p>un saluto a tutti i devurbiani e un invito a tutti i vicchiesi:il 6 e 7 giugno <strong>DATE UN CALCIO ALLA VECCHIA POLITICA.</strong></p> <p>Bruno Confortini</p> <p>candidato sindaco di Sinistre per Vicchio</p>

<p>Dice Izzo:&nbsp;'Perch&egrave; le classi moderate e le classi dirigenti hanno sempre comandato e governato la politica? Perch&egrave; ha capito che andando al governo, si riesce a portare avanti i propri interessi, nel nostro caso gli interessi anche dei pi&ugrave; deboli...'&nbsp;</p> <p>siamo sempre in attesa delle sue risposte sig. Izzo, setrover&agrave; il tempo tra i suoi numerosi impegni, ma questa frase mi lascia molto perplessa. Quel 'si riesce a portare avanti i propri interessi' l&agrave; dove sarebbe stato bene dire i propri ideali, lascia di che pensare. Vedendo come pensate di gestire gli uffici tecnici e urbanistica (lasciando le cose di fatto come sono) sa tanto di lapsus freudiano.</p>

<p>Credo che far sapere ai cittadini Vicchiesi chi far&agrave; perte della giunta sia un dovere da parte di tutti i candidati a sindaco.</p> <p>Non facendo questo si instaura una serie di polemiche infinite, e a mio parere anche con fondamento, perch&egrave; le domande nascono spontanee:<br /> <br /> 1) Non presentano la giunta perche se ci mettono Tizzio o Caio&nbsp; rischiono di perdere dei voti? <br /> Quindi meglio non fare nomi e sceglierli con calma dopo.&nbsp; E se poi alla gente che vi vota non piaceranno gli assessori cosa gli direte? <br /> Potreste rispondere che se vi votano vuol dire che hanno fiducia in voi anche senza l'eventuale giunta, potrebbe essere anche giusto, ma non &egrave; meglio farglielo sapere? Sarebbero ancor pi&ugrave; fiduciosi no?<br /> 2)Soliti conflitti di partiti (4 al PD e 1 ai socialisti oppure 3 al PD e 2 ai socialisti, ecc. sempre che siano 5) o di gruppi di persone per quello o l'altro componente della giunta?<br /> 3)oppure ne avete talmente tanti che vi &egrave; difficile scegliere quello giusto?......</p> <p>Io sono contento che il mio gruppo abbia avuto il coraggio, la correttezza e la trasparenza di presentare la giunta.<br /> Ho scritto anche <u>coraggio</u> perche nel presentare la giunta (come spiegato nelle possibili domande) corri il rischio di non prendere il voto perch&egrave; c'&egrave; Tizzio o Caio, ma almeno la gente sa chi siamo e sar&agrave; libera di sceglierci oppure no, (ovviamente preferisco la prima opzione).</p> <p>Ebbene, noi lo abbiamo fatto perche crediamo in queste persone. E te Roberto, credi nelle tue?</p> <p>Se si come mi auguro, perche non&nbsp; farlo sapere a tutti chi sono?</p> <p>Io sono curioso come tanti del resto.</p> <p>A presto</p> <p>Rossano</p> <p>&nbsp;</p> <p>&nbsp;</p> <p>&nbsp;</p>

<p>&nbsp;</p> <p style="margin-bottom: 0cm">Riflessioni sulla intervista di Izzo.</p> <p style="margin-bottom: 0cm"><br /> &nbsp;</p> <p style="margin-bottom: 0cm">Vorrei esprimere i miei reali complimenti per la sincerit&agrave; manifestata da Roberto Izzo:</p> <ul> <li> <p align="justify" style="margin-bottom: 0cm">ricostruzione della vicenda della non ricandidatura di Elettra Lorini, degna del teatrino nazionale PD a cui abbiamo assistito dalla caduta di Prodi alle elezioni politiche e fino alle dimissioni di Veltroni , dove si palesa una situazione interna alla sezione di Vicchio (nonostante le rassicurazioni di Lazzerini) piuttosto preoccupante</p> </li> <li> <p style="margin-bottom: 0cm">incapacit&agrave; a trovare gente disponibile a fare l&rsquo;assessore....</p> </li> <li> <p style="margin-bottom: 0cm">qualcosa dovr&ograve; cedere....</p> </li> <li> <p style="margin-bottom: 0cm">quasi timore nel proporre persone &ldquo;...con cui lavoro da tempo&rdquo;</p> </li> </ul> <p align="justify" style="margin-bottom: 0cm">Se ci&ograve; &egrave; vero mi sembra chiaro il ritardo nel dirimere le evidenti divisioni, nel trovare punti di equilibrio tra anime o meglio cordate diverse esistenti all&rsquo;interno di quel partito, ed ancora debolezza o paura nel comunicare le scelte all'elettorato di sinistra del PD<br /> &nbsp;</p> <p align="justify" style="margin-bottom: 0cm">Il programma di mandato: l'estrema genericit&agrave; del programma PD dimostrata nel volantino, nel confronto tra candidati, e nelle risposte all&rsquo;intervista, dimostrano che non c&rsquo;&egrave; in quella coalizione<b> quel gran fermento di idee innovative</b>, di competenza , di voglia di partecipare, quell&rsquo;apporto di energie fresche ( a parte l&rsquo;et&agrave; che di per s&eacute; non &egrave; detto sia un valore) in grado di ammodernare l&rsquo;azione amministrativa, adeguarla a concetti un po' pi&ugrave; moderni e evoluti, magari in termini di energia, sviluppo sostenibile, urbanistica, politiche giovanili,partecipazione della cittadinanza, ecc<br /> &nbsp;</p> <p align="justify" style="margin-bottom: 0cm">Credo che l'ing. Izzo sia una persona onesta e competente; le opinioni che riportiamo in questo forum sono spesso frutto di voci di paese e interpretazioni personali, causa la poca informazione che dal PD &egrave; uscita su programmi e Giunta. A volte mi sembra, e tutto sommato Lui lo conferma nell'intervista, che il candidato Izzo sia stato un po' mandato avanti da una piccola cerchia di persone, che ha fatto poi trovare il resto del PD di fronte al fatto compiuto</p> <p align="justify" style="margin-bottom: 0cm">E il ritardo programmatico &egrave; un po' la cartina di tornasole delle difficolt&agrave; a trovare coesione e argomenti condivisi.</p> <p style="margin-bottom: 0cm">Spero di sbagliarmi, ma se &egrave; davvero cos&igrave;, nel caso il PD vincesse le elezioni, sarebbe davvero un bel problema per Vicchio!!<br /> &nbsp;</p> <p align="justify">In ultimo, mi viene da pensare che il rifiuto a formare una coalizione con rifondazione e le altre componenti di sinistra, visto che nel confronto al circolo Il Paese sono emerse &ldquo;importanti convergenze programmatiche&rdquo; (detto in politichese), venga piuttosto dalla voglia, dall&rsquo;abitudine e dalla presunzione, ormai consacrata da decenni, di gestire il potere come &ldquo;roba nostra&rdquo;, senza bisogno di mediare su istanze e valori provenienti da altre componenti, senza dover lasciare fette di potere :</p> <p align="justify">ma perch&eacute; poi governare insieme ad altri per il bene di Vicchio, se abbiamo i numeri per farlo da soli?</p> <p style="margin-bottom: 0cm">Con questo principio Veltroni, come ho letto su una vignetta da qualche parte, ha fatto pi&ugrave; per la destra italiana in 3 mesi che Fini in 10 anni........</p>

Aggiungi un commento

CAPTCHA
Questa domanda è un test per verificare che tu sia un visitatore umano e per impedire inserimenti di spam automatici.
CAPTCHA con immagine
Inserire i caratteri mostrati nell'immagine.