L'azienda Sabo dà il via ai licenziamenti

Esubero strutturale di 10 lavoratori e chiusura totale sulla possibilità di prorogare i contratti di solidarietà.

10400032_10201702274158659_488982974781620616_n.jpg

La SABO di Vicchio era dal 2010 che usufruiva di ammortizzatori sociali, passando attraverso la cassa integrazione ordinaria ed i contratti di solidarietà.

A giugno l'azienda si era resa "non contraria" al proseguio dei contratti di solidarietà per almeno altri 12 mesi. Poi il 22 settembre è arrivata la totale chiusura da parte dell'azienda, che ha annunciato un piano di ridimensionamento del personale. Queste le parole del delegato FIOM CGIL Firenze Yuri Viciani: “E' incomprensibile ed inaccettabile il volta faccia avuto al rientro dalle ferie Non si può gestire così una situazione tanto delicata. Avevamo la possibilità di utilizzare un altro anno di contratti di solidarietà ed addirittura, oltrepassando l'agosto 2015, l'azienda riacquisiva la possibilità di utilizzare tutti i 48 mesi di ammortizzatori sociali a disposizione, senza perciò ricorrere all'apertura di procedure di mobilità e alla riduzione del numero dei dipendenti”.

Per protestare contro questa decisione saranno organizzati scioperi entro la fine del mese.

 

Link utili:

http://www.radiomugello.it/cronaca/10-licenziamenti-alla-sabo-di-vicchio/

http://fiomfirenze.it/news/304-doccia-fredda-alla-sabo-ammortizzatori