1.5 - Partecipazione politica locale

Questo paragrafo è parte di: "Oltre il web 2.0 - La politica locale e la partecipazione nell'era dei social. Studio di un caso: www.devurbe.net"

1.5 - Partecipazione politica locale.

La “mutazione” della comunicazione ha i suoi ritmi e i suoi intoppi. In Italia, fatta eccezione per i grandi agglomerati urbani, la diffusione delle nuove forme di comunicazione stenta, e dove arriva viene ancora interpretata come solo un passatempo. I piccoli centri urbani risentono molto dellamancanza di infrastrutture e della atavica analfabetizzazione digitale.  Come possono allora in questi casi intrecciarsi le nuove forme di comunicazione e le vecchie abitudini? Dove e a chi arriva la “nuova” comunicazione , e a chi arriva la “vecchia”? Se prendiamo in esame un micro ambito di una piccola realtà, possiamo forse trovare la frontiera che divide il vecchio dal nuovo, “l'immigrato digitale” e il “nativo digitale” (Pira F., La net comunicazione politica. Partiti, movimenti e cittadini-elettori nell'era dei social network, Franco Angeli, 2012.), vedere chi oltrepassa la frontiera e in quale direzione.

Lo studio del caso di Porto Torres può aiutarci a definire l'ambito sociologico della partecipazione locale anche attraverso la rete. La comunità locale , mossa da un interesse comune, partecipa e si attiva grazie ad una identità collettiva , fatta di una memoria storica tramandata che può di fatto essere “localizzata” grazie ad una contrapposizione con realtà limitrofe.(Cioni E., Marinelli A., Le reti della comunicazione politica. Tra televisioni e social network, Firenze University Press, 2010.).

In questo senso l'esperienza di www.devurbe.net, è da considerarsi quale figlia di un'appartenenza ad un'entità locale ben definita. La rete quindi assume un valore di aggregazione anche grazie alla familiarità degli attori che ne prendono parte.

 

Creative Commons Attribuzione - Condividi allo stesso modo 4.0 InternazionaleLicenza Creative Commons