Approfondimenti 

Sì presenta il candidato per le regionali.

Riceviamo e pubblichiamo il comunicato stampa:

Il 31 maggio si vota per il rinnovo del consiglio regionale della toscana.

Venerdì 22 maggio saremo felici di presentare ai cittadini vicchiesi (e non solo) Lorenzo Verdi, nostro candidato consigliere per la lista SI-Toscana a sinistra che sostiene la candidatura di Tommaso Fattori presidente.

Vi invitiamo dunque venerdì al circolo arci il tiglio di vicchio dalle 18:30 a prendere un aperitivo con noi: un’occasione per confrontarsi, conoscersi, ascoltarsi ed illustrare il percorso e il progetto che nasce a monte di questa candidatura. Speriamo in una partecipazione numerosa, confidiamo nelle vostre proposte e, perché no, nelle vostre speranze.

 

Perché (anche) a Vicchio:

Vicchio ha un cuore a sinistra, è sempre stato così e crediamo che il paese, i ragazzi, la cittadinanza tutta abbiano il diritto di tornare a parlare di sinistra, di proporre, di ascoltare e discutere di temi di sinistra, che sono quelli che da sempre ci contraddistinguono e ci fanno sentire orgogliosi di difenderli: lavoro, istruzione, accoglienza e integrazione, sanità, salute e salubrità del luogo, trasporto pubblico, tradizione e scambio, controllo e progettazione di opere non necessariamente grandi ma funzionali alla popolazione, per la quotidianità della popolazione, per il territorio.

Siamo contrari a inciuci e pastine, contrari alla politica delle poltrone. Sogniamo una politica partecipata fatta da donne e uomini che studiano e lavorano e non un carrozzone fatto solo per arricchire pochi sulle spalle dei tanti (soliti).

Proponiamo una politica che rimetta al centro il parere delle persone, che prenda le distanze da una classe dirigente che ce la sta mettendo tutta per convincerci che il nostro parere sia inutile, da un premier che sta spaccando un partito (?) facendo passare una legge elettorale completamente antidemocratica, convincendoci (anzi, tentando di convincerci) che oggi per essere di sinistra devi fare cose che nemmeno la destra si sarebbe sognata. Ma quanti di loro erano a Roma nella (giusta) difesa dell’articolo 18 contro le proposte del governo Berlusconi? Quanti in toscana, Bersaniani di ferro, si sono scoperti Renziani doc, rottamatori della prim’ora?

Siamo convinti che Vicchio e tutto il suo popolo non abbiano la memoria così corta.

Perché questo incontro? Perché crediamo di dire il vero quando diciamo che

-la traduzione di Job’s act in italiano sia in realtà perdita del lavoro e mercificazione dei diritti. Il caso della Ross dove licenziano nove lavoratori in un momento nel quale chiedono nel contempo straordinari ai lavoratori è un’ avvisaglia della progressiva perdita dei diritti.

- nella terra di don Milani, la buona scuola ed i presidi sceriffi non ci piacciono. Da sempre sostenitori di scelte collegiali, partecipate, siamo per le buone maestre e i buoni maestri e non per i presidi manager; siamo, con tutte le tasse che paghiamo, per un implemento dei finanziamenti regionali e statali alla scuola pubblica.

- siamo convinti che gli uomini e le donne siano potenzialità e non un problema. Il problema (vero) sono gli speculatori sui fondi della comunità europea che si arricchiscono, non sono gli immigrati. Perché le tradizioni sono importanti ma il Mugello è nel mondo e lo scambio con altre culture non può che arricchire.

- siamo custodi gelosi della nostra salute e per questo siamo contrari ad impianti invasivi e dannosi come quello che vorrebbero realizzare Petrona, agli inceneritori e alla combustione dei  rifiuti, con la quale, guarda caso, si può generare un business molto redditizio, sempre a favore di pochi a scapito dei più. Perché la salute dei cittadini è importante non solo quando siamo in campagna elettorale

 

Per questi e tanti altri motivi vi aspettiamo venerdì alle 18:30 al circolo ARCI il tiglio di Vicchio e ogni Giovedì mattina al mercato per parlare con noi, prendere un volantino e rilanciare una voglia di sinistra che, siamo convinti, a Vicchio non stava dormendo, chiedeva solo di essere svegliata.

Sì Toscana a Sinistra Mugello

ADSL: situazione critica a Vicchio. Villore rimane fuori dal piano Telecom.

Bolognesi "Pronto un piano di intervento in accordo con la Regione" - Nasce l'Osservatorio Digitale di Vicchio.

Una ricerca di Ookla piazza l'Italia dietro a molti altri stati europei, con una velocità media di appena 9,1 Mbps, l'Italia è addirittura l'ultima nazione europea per velocità di connessione. Un piazzamento che risulta molto influenzato dalla difficoltà dei gestori nell'aggiornare le vecchie infrastrutture in rame, con disagi e disservizi che si ripercuotono soprattutto nei piccoli centri urbani e in zone lontano dalle grandi città. Notizia di questi giorni è il difficile rapporto che andrebbe a crearsi fra Telecom e il Governo, che sembra puntare in alto (forse troppo), con un piano di digitalizzazione denominato "Strategia Italiana per la banda ultralarga". Certamente un'ambizione giustificata visti gli standard europei, ma che cozza con il reale stato delle infrastrutture italiane.

Affluenza a Vicchio: i dati

urneelezioni.jpg

Si è conclusa la tornata elettorale anche a Vicchio. Ecco i dati di affluenza che riguardano le Comunali e le Europee.

COMUNALI 67,25 4456 votanti su 6626 aventi diritto*
EUROPEE 68,40 4480 votanti su 6561 aventi diritto*

 

 

 

*dati delle 23:00 a chiusura seggi

Pagine

Abbonamento a www.devurbe.net RSS